Misure su Metalli Caldi

Negli ambienti industriali più ostili è indispensabile proteggere la strumentazione di misura da fattori ambientali come alte temperature, polveri, vapori, urti, ecc… Inoltre, è sempre un grande vantaggio poter misurare da grande distanza, senza contatto e senza usura. Per questo motivo sono state sviluppate le teste di misura a laser LDS per metalli caldi, il cui scopo principale è quello di fornire una solida protezione meccanica e termica  alla strumentazione di misura laser incorporata.

Il principio di funzionamento è basato sulla ben nota tecnologia della triangolazione laser con l’impiego di sensori di misura robusti, veloci, affidabili, ottimizzati per lavorare su materiali ad alta temperatura (fino a 1000°C, 1300°C, 2200°C). Un piccolo spot laser proiettato sulla superficie del materiale e osservato da un sistema ottico inclinato fornisce la misura della distanza del materiale dalla testa in formato analogico e digitale.

CALDO-LDS-teste-misura-laser-diametro-livello

Sono disponibili numerosi modelli con campi di misura fino a 2000 mm e distanze di lavoro fino a 5000 mm. Esecuzioni speciali su richiesta.

Le teste di misura laser LLS basano il loro funzionamento sul principio della triangolazione di linea laser. Una sottile linea viene proiettata sul materiale nella sezione d’interesse. Mediante un opportuno sistema ottico disposto con una certa angolazione, l’immagine della sezione viene rilevata da un trasduttore optoelettronico bidimensionale da cui si ricavano le coordinate X/Z della sezione stessa. Se il materiale avanza lungo la direzione Y è possibile ottenere l’esplorazione continua 3D della superficie da cui si ricavano le quote di interesse.

Per poter operare negli ambienti industriali più difficili, in presenza di alte temperature, polveri, vapori, ecc…, le teste laser di misura sono costruite in modo da fornire una solida protezione meccanica e termica a tutta la strumentazione incorporata e misurano da grande distanzasenza contatto senza usura.

CALDO-LLS-teste-misura-laser--

Il misuratore di spessore VHT è basato sul principio della triangolazione ottica di una linea laser osservata da una telecamera isocromatica ad alta definizione. E’ un metodo di misura ottico senza contatto e senza radiazioni nocive.

Due teste di misura laser sono montate a bordo di un robusto I-Frame con un certo angolo di inclinazione rispetto alle due superfici del materiale da misurare, in modo da poter lavorare a lato del materiale stesso, in posizione maggiormente protetta, anziché sopra e sotto come nella tipica configurazione a C-Frame. Una sottile linea di luce laser viene proiettata su ciascuna delle due superfici del materiale e viene osservata dalla relativa telecamera attraverso un opportuno sistema ottico. Ciascuna testa misura la posizione della rispettiva superficie lungo la linea laser. Lo spessore del materiale è calcolato dalla combinazione dei punti misurati, data la distanza e l’inclinazione tra le due teste.

Lo strumento è concepito per misurare in linea di produzione materiali con forti variazioni di spessore, freddi o caldi, fermi o in movimento. La precisione dello strumento è proporzionale al campo di misura e non allo spessore e/o alla composizione del materiale.

CALDO-VHT-misuratore-spessore-laser

Il misuratore è raffreddato ad acqua e dotato di sistema di auto-calibrazione permanente. Opera su materiali con temperature fino a 1300°C e spessori fino a 200 mm.